Trazioni alla sbarra come iniziare: esercizi utili per iniziare

Qualsiasi esercizio fisico è incentrato a definire specifiche parti del corpo, come gli squat per i glutei o la corsa per la muscolatura delle gambe. Per la parte superiore del corpo esistono le trazioni alla sbarra, che consentono non solo di mettere forza e massa all’intero tronco, ma contribuiscono al modellamento della schiena, a tonificare il busto nonché a migliorare il fisico e la sua performance.

Si possono fare ovunque, sia in palestra che a casa, e non necessitano di attrezzature costose o particolari, ma semplicemente di una sbarra per trazioni da fissare alla parete. Vediamo insieme cosa sono, che muscoli coinvolgono, quali sono gli esercizi utili e in generale parlare delle trazioni alla sbarra e come iniziare a farle.

Ricordiamo che prima dell’allenamento è consigliabile una sessione di stretching e mobilità articolare. Per un allenamento corretto e privo di infortuni è consigliabile rivolgersi ad una struttura idonea, venite nella nostra palestra per ricevere una consulenza da un nostro personal trainer di Timini e usufruire della nostra sala pesi.

Trazioni alla sbarra come iniziare: gli esercizi utili

Per iniziare le trazioni alla sbarra è necessario allenare i muscoli che verranno in seguito sottoposti alla prova di resistenza vera e propria, ossia quelli della schiena, i bicipiti e gli avambracci. Se volete ottenere i migliori risultati e quindi fare la prima trazione, occorre preparare il fisico attraverso determinati esercizi utili, in grado di dare la forza necessaria a sollevare il corpo verso l’alto, nonchè, dopo un po’ di tecnica, arrivare a superare la sbarrra con il mento o con il dorso.

Per cominciare, dunque, è bene iniziare con il potenziamento attraverso diversi esercizi.

  • Rematore con manubri: questo esercizio permette di allenarerematore con manubri come esercizio propedeutico per le trazioni alla sbarra la schie
    na attraverso il sollevamento di manubri, che dovranno progressivamente aumentare di peso man mano che si diventa più forti. Quindi è bene cominciare con il fare tre serie da circa 8 ripetizioni e una pausa di 2 minuti tra una serie e l’altra. Quando l’esercizio non provoca più fatica si inizia ad aumentare il peso del manubrio fino ad arrivare a 10 kg, o se si riesce, anche più pesanti.
  • Rematore con bilanciere: con questo attrezzo da ginnastica si ottiene il giusto allenamento che andrà piano piano a rafforzare i muscoli della schiena, del busto e delle braccia; un potenziamento che si ottiene grazie al sollevamento del proprio peso corporeo attraverso l’uso degli arti superiori. come iniziare le trazioni alla sbarra rematore con bilanciereL’esercizio deve essere fatto contraendo glutei e addominali e mantenendo il corpo teso durante tutto l’allenamento. Il macchinario da utilizzare può essere una smith machine sulla quale poter regolare il bilanciere all’altezza che si desidera. E’ consigliabile iniziare posizionandolo sulla parte alta, in quanto si farà meno fatica almeno fino a quando non si sarà in grado di passare alle fasi successive. Per cominciare è preferibile fare 3 serie di esercizi da 8 ripetizioni ciascuna, con una pausa di circa 2 minuti per serie. Se si hanno difficoltà è possibile piegare le ginocchia e posare i piedi per terra.
  • Trazioni assistite: per eseguire questi esercizi si può andare in palestra e utilizzare gli appositi macchinari, ma possono essere anche svolti in casa attraverso l’uso di sbarre, di cavi di resistenza o con l’aiuto del patner. In tutti i casi è necessario contrarre bene i glutei e gli addominali, non inarcare la schiena, guardare sempre dritti davanti a sè e tirarsi su con le braccia fino a quando non si è pronti a raggiungere e superare la sbarra senza fatica.

Cosa sono le trazioni alla sbarra

Le trazioni alla sbarra sono esercizi a corpo libero finalizzati ad allenare e rafforzare la parte superiore del corpo attraverso il sollevamento del proprio peso corporeo. L’importanza di questa disciplina ginnica è rivolta alla preparazione fisica utile per svolgere alcuni tipi di sport, come la ginnastica artistica, il nuoto, il canottaggio, la pesistica olimpionica, il crossfit e il calisthenic.

L’elemento principale delle trazioni è dato dal peso corporeo che a volte può essere limitante per svolgere gli esercizi in maniera corretta. Infatti, considerando la sezione fisiologica di un qualsiasi muscolo che ha la capacità di spostare all’incirca 4/6 kg per ogni cm quadro, si può intuire che il peso può essere d’aiuto o meno durante la trazione, soprattutto se la parte inferiore del corpo è caratterizzata da una maggiore muscolatura con la conseguenza che la parte superiore farà fatica a sollevare il peso dell’intero corpo.

Quali muscoli vengono coinvolti durante le trazioni alla sbarra

Dopo aver detto cosa sono le trazioni alla sbarra e come iniziare, è giusto specificare quali muscoli vengono coinvolti durante questi esercizi. Ovviamente i primi ad essere nominati sono quelli delle braccia, sui quali si concentra il massimo sforzo considerando il peso che dovranno sollevare.

muscoli coinvolti nelle trazioni alla sbarra

Il coinvolgimento dei muscoli ed il loro rafforzamento può essere distinto anche a seconda della presa che si sceglie, ossia supina, prona e neutra, ma in tutte le tipologie, chi più chi meno, otterrà benefici, tra i quali: il muscolo grande dorsale, il trapezio, il muscolo grande romboide, il muscolo grande rotondo ed il muscolo deltoide.

Da non dimenticare che sono posti a sotto sforzo i bicipiti e i tricipiti in entità elevata, nonché gli avambracci in quanto sono collegati ai piccoli muscoli delle dita che ovviamente necessitano di un aiuto durante il sollevamento. Secondo alcuni studi, quando si effettuano le trazioni alla sbarra con presa prona, alcuni muscoli ossia quelli addominali, pettorali e perfino gli avambracci risentono meno dello sforzo che invece andrà a beneficiare i glutei, i quadricipiti e i tricipiti.

Trazioni alla sbarra come iniziare: 3 esercizi fondamentali

Per iniziare ad eseguire le trazioni alla sbarra in maniera “professionale” e senza cedimenti è necessario allenare il corpo attraverso 3 esercizi fondamentali volti a coinvolgere tutta la muscolatura.

Australian Pull-Up

Questa tecnica di trazioni è un esercizio a corpo libero che consiste, con l’aiuto di una sbarra e attraverso una flessione, nell’avvicinare il petto alle mani poste sull’attrezzo. Questo esercizio, conosciuto anche come body row, inverted row o trazione orizzontale svolge lo stesso compito di quello eseguito con il rematore.
Come si esegue: bisogna posizionare le mani sulla sbarra e alla loro stessa larghezza devono esserlo anche le spalle.

Il corpo e le braccia devono essere ben tesi così come le gambe, e i piedi devono essere appoggiati a terra. L’esercizio inizia con la trazione che gli arti superiori eseguono al fine di avvicinare lo sterno alla sbarra. Questa tecnica può avere diverse varianti in base allo sforzo e a seconda del muscolo che verrà coinvolto.

trazioni alla sbarra come iniziare australian pull up

Due si differenziano per la posizione delle mani, le quali, se hanno una presa larga prona enfatizzano il grande dorsale, il deltoide e la muscolatura scapolare, mentre se le mani sono poste in maniera supina, con le braccia parallele che riescono con i gomiti a sfiorare il tronco, ne trarrà maggiormente beneficio il bicipide brachiale.

Le altre varianti consistono nel cambiare la posizione dei piedi, flettere le ginocchia per rendere più facile l’esercizio, o al contrario mettere un rialzo sotto i piedi per renderlo più difficoltoso. Inoltre un’ultima tecnica è data dall’abbassare o alzare il punto di trazione.

Trazioni alla sbarra con loop band

Le trazioni alla sbarra con loop band vengono anche chiamate trazioni assistite e vengono eseguite con l’aiuto di elastici fitness acquistabili in diverse resistenze e una barra per trazioni.
Come si svolge: una volta collegato l’elastico alla sbarra per trazione si dovrà prendere un appoggio, in maniera tale da utilizzarlo come supporto per poter infilare il piede alla base dell’elastico, mantenere il corpo ben teso e il core attivo, e iniziare a muoversi con la tecnica hollow-superman.

trazioni alla sbarra come iniziare pull up con loop band

Nella fase hollow è necessario tenere dritto l’arco lombare della schiena, le gambe unite e tese e gli addominali contratti, in maniera tale da rendere il corpo un “pezzo unico” che faccia da portante e stabilizzante del movimento. Nella fase successiva, ossia quella di superman, si deve assumere una posizione, appunto da superman quando si alza in volo, ossia braccia tese e gambe che devono essere mantenute dietro al corpo.

Questo movimento deve essere fatto dondolandosi e i muscoli che otterrano benefici saranno i glutei, i muscoli della bassa schiena e quelli posteriori della coscia, inoltre queste fasi sono la base per eseguire gli esercizi del crossfit come, i muscle up, i toes to bar e i pull up.

Negative pull-up

Il pull-up è un esercizio a corpo libero che può essere fatto ovunque, sia a casa che in palestra e perfino al parco, l’importante è avere a disposizione una sbarra orizzontale che permetta di aggrapparsi e iniziare i sollevamenti.

trazioni alla sbarra come iniziare negative pull up

I negative pull-up sono esercizi utili che servono per stimolare la muscolatura delle braccia e della schiena al fine di essere pronti per svolgere le trazioni alla sbarra vere e proprie. Per farlo occorre prendere un supporto, una base che aiuti ad arrivare ad aggrapparsi alla sbarra, saltare e fermarsi.

Una volta fermi si inizierà a scendere lentamente, sempre controllando il movimento del corpo, fino ad arrivare a terra. Il trucco da seguire, mentre si procede con la discesa, è quello di contare fino a 5 secondi ed è consigliabile farne 3 serie da 5 ripetizioni.

Trazioni alla sbarra come iniziare: posizione corretta

Come qualsiasi esercizio sportivo, anche il pull-up ha delle caratteristiche da prendere in considerazione che riguardano le corrette posizioni da rispettare dall’inizio alla fine per ottenere il massimo dei risultati.

La posizione iniziale da assumere quando si è aggrappati alla sbarra, riguarda soprattutto le braccia che devono essere ben distese, nonché avere il giusto controllo del core e dell’articolazione della spalla in maniera tale da stabilizzare il corpo ed evitare movimenti oscillatori.

La posizione centrale consiste nel focalizzare il ritmo scapolare, ossia non concentrarsi solo sulla potenza delle braccia ma attivare soprattutto il dorsale, mantenendo durante il movimento le spalle nella posizione corretta. L’ultima è ovviamente la posizione finale che si ha quando il mento arriva a superare la sbarra. In quel preciso momento è necessario mantenere la trazione e controllare la tensione del core, fino a quando lentamente, si ritorna alla posizione di partenza.

Questo dettaglio è molto utile in quanto aiuta a prevenire infortuni che possono causare problemi alla cuffia dei rotatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *